GEOBIOLOGIA

GEOBIOLOGIA E “DIETA GEOBIOLOGICA

PREMESSA: una novità molto importante del 2016  è la DIETA GEOBIOLOGICA che  unisce i principi della Geobiologia e della Bioenergetica dei cibi.

Si tratta di una Dieta molto libera e di uno Stile di vita i cui principi, essenziali per il benessere corporeo possono essere integrati anche in tutte le altre Diete. Questo nuovo stile alimentare utilizza l’energia vitale presente nei cibi, nell’acqua e nell’aria per raggiungere un ritrovato e duraturo Benessere. Tra i consigli principali della Dieta Geobiologica per ottenere un ottimo riequilibrio di Mente e Corpo il consiglio è di utilizzare per l’integrazione alimentare Bioenergen utile con la Sua speciale composizione erboristica nel riequilibrio dei sistemi biologici, dell’intestino, delle intolleranze alimentari  e del tono dell’Umore.


La dieta Geobiologica divide i cibi in leggeri, ricchi di energia vitale, e pesanti, poveri di energia vitale. Come tale rappresenta l’integrazione ideale ad ogni tipo di dieta che spesso sono deficitarie proprio nell’apporto energetico vitale.

La dieta Geobiologica si basa su cinque punti fondamentali:
1) Introduzione ad ogni pasto di almeno il 40% di cibi ricchi di energia vitale.
2) Utilizzo del ” Metodo Bioenergen ” per potenziare l’efficacia sinergica di cibi ed erbe.
3) Utilizzo dell’Integratore Bioenergen per il riequilibrio dell’Intestino e benessere psicofisico
4) Eseguire tecniche psicofisiche di respiro per incamerare dall’aria l’energia vitale.
5) Controllare che il posto dove si dorme sia sano e permetta un perfetto ristoro e recupero delle energie, secondo le regole della Geobiologia Ambientale.

continua al Sito  www.dietageobiologica.com

GEOBIOLOGIA

La parola Geobiologia nasce da due vocaboli geo (terra) bio (vita), definisce perciò lo studio delle influenze che le energie della terra possono esercitare sulla vita in genere (vegetali, animali, uomo) e i mezzi più adatti per risanare i luoghi dove tali energie fossero disarmoniche. Essa riunisce in sé le conoscenze e le esperienze accumulate da tante altre scienze (geologia, fisica, biologia, architettura, rabdomanzia, radioestesia, ecc.).
Quando una radiazione ambientale è considerata nociva per il corpo umano viene definita “geopatia”.

In tutte le epoche l’uomo si è sempre reso conto che ci sono intorno a lui “energie” positive e altre potenzialmente nocive. La radioattività naturale ne è l’esempio più evidente: se una certa radioattività in dosi regolate può essere utile, l’esposizione a campi radioattivi elevati è mortale. nei secoli scorsi, quando all’origine delle gravi patologie non ci poteva essere l’inquinamento ambientale o quello alimentare, era facile individuare quelle che all’epoca si definivano “case cancro”, abitazioni dove il livello di radiazioni naturali nocive, “geopatiche”,  provenienti dal sottosuolo erano in grado di far ammalare gli inquilini della casa.
La geopatologia si manifesta quando si sosta per diverse ore in un punto perturbato. Dati clinici dimostrano che lo stress legato al luogo è un fattore di rischio molto importante per la salute.

Geobiologia e scienza
La geobiologia era presente in varie epoche storiche (i primi ad utilizzare queste conoscenze sembra siano state le popolazioni dell’India settentrionale e poi la Cina.
La Geobiologica ha il suo exploit come materia scientifica all’inizio del nostro secolo all’incirca negli anni ’20. Inizia in questi anni una lunga fase di ricerca, confluita circa trenta anni dopo negli studi del Dott. Hartmann ( famoso per la scoperta della Rete Hartmann);  ma solo di recente il Dott. Bergsmann (medico Austriaco) ha gettato le basi perché la Geobiologia diventi una scienza a tutti gli effetti.
In Austria grazie a dei finanziamenti pubblici è stato possibile condurre per la prima volta uno studio scientifico realizzato dal Prof. Otto Bergsmann, poi pubblicato con il titolo Risikofaktor Sandort, Rutengängerzone und Mensch, Facultas Universitäts Verlag, Wien 1990 ( fattore di rischio del sito, ricerca scientifica sul problema dell’influsso delle zone “rabdomantiche” sugli esseri umani). Questo primo studio scientifico fu molto importante poiché dimostrò che con una permanenza in queste zone di disturbo avviene una reale variazione di una serie di parametri biologici che coinvolgono lo stato di salute. I parametri biologici presi in considerazione furono 23 e vennero analizzati su 985 persone con 6943 esami. Di questi 23 parametri o fenomeni analizzati, in 12 si era riscontrato un influsso molto significativo dovuto al luogo, in 5 una tendenza, in 6 nessun influsso. Per come era strutturata la ricerca, la variazione di un solo parametro era da considerarsi già una prova dell’effetto del sito.L’effetto dei fattori ambientali sui sistemi di regolazione dell’organismo umano risulta perciò senza dubbio confermato.

Anche la casa ha un’anima
La nostra vita all’interno delle case moderne molto spesso ci porta ad una fruizione del benessere eccessivamente materialistico: abbondanza di cibi e bevande, spesso di scarsa qualità. I cibi moderni (raramente quelli biologici), molte volte al centro di scandali internazionali, si sono spesso rivelati estremamente pericolosi: il caso della mucca pazza è solo la punta dell’iceberg. Viviamo un’era estremamente frettolosa, ci accontentiamo di una sessualità superficiale e ci priviamo di quell’amore sessuale che rende magiche le atmosfere attorno a noi. Nei momenti di intimità dobbiamo sovente ricorrere alla banca dati della memoria per immaginare luoghi rilassanti e utili per il nostro benessere psicofisico. Restituire un’anima alle nostre case significa proiettarsi nel futuro ricchi di una grande eredità del passato. La geobiologia, che corrisponde ad un Feng Shui occidentale è per noi la miglior soluzione. Unendo con buon senso le conoscenze che ci sono offerte da questa materia possiamo migliorare la qualità della nostra vita, la nostra salute, le nostre relazioni affettive, il rapporto con i figli, il nostro lavoro. La nostra vita, che a un’attenta e obbiettiva analisi appare in bianco e nero, piena di grigio, diverrà gradualmente a colori. Le nostre case ritorneranno colorate e aumenteranno le energie positive. Risultato? Meno litigi e più amore. Proveremo più affetto verso noi stessi e chi ci circonda semplicemente applicando una cultura, una conoscenza che è nostra, come fosse un libretto bancario lasciatoci in eredità. È evidente che detto così sembra facile, ma sappiamo tutti che non lo è. Sappiamo però altresì che è possibile. Per ottenere tutto ciò occorre ancora una volta il nostro massimo impegno. I risultati sono conseguenti all’intensità della nostra applicazione: i benefici ottenibili sono stupefacenti. Serenità, respiri profondi, le carezze dell’ambiente ci raggiungeranno come un massaggio arioso e colorato, il ristoro che proveremo in casa diverrà una vera domoterapia.
Diversamente una casa inquinata (definita anche “edificio malato”) farà ammalare chi ci vive. La soluzione è guarire la casa e con lei guariremo anche noi. Una casa sana è la migliore terapia preventiva per vivere e invecchiare in salute. Una casa malata è la situazione ambientale che più ci condiziona, essa è considerata dalla medicina naturale la maggiore causa di malattie e di gravi patologie. E’ dagli anni Venti che numerosi scienziati mettono in correlazione la casa nociva con la genesi del cancro. Alimentazione e ambiente sono universalmente considerati fattori determinanti nella genesi tumorale: mangiare male e vivere in un’abitazione con forti radiazioni nocive significa essere esposti per molte ore al giorno (compresa la notte) a fattori ambientali che generano forte stress nel nostro organismo. L’alimentazione ed il riposo notturno sono momenti fondamentali e molto delicati per il nostro corpo, sono fasi di ristoro e di recupero indispensabili per non ammalarsi. Di notte il nostro organismo mette in atto un’eccezionale “riorganizzazione” energetico-fisica. Necessita quindi di un luogo adatto, sano e ristoratore.

casa

La casa del benessere
la casa del benessere è formata da un insieme di informazioni positive di elementi che risuonano in una gamma d’onda capace di creare nel corpo umano una sensazione di ristoro”…
 Per capire questa affermazione, che può sembrare generica, è neccessario riscoprire un mondo fatto di vibrazioni, di risonanze, concetti sempre più alla ribalta di TV e giornali: geobiologia, elettromagnetismo, radioattività, bioenergia, reti energetiche, reti di Hartmann, ecc..
. L’energia ambientale è familiare a tutti noi da sempre, col nostro sesto senso ne abbiamo la chiara percezione, ma anche gli altri cinque sensi ci avvertono di questa costante presenza attraverso sensazioni di disagio e malessere in casa di radiazioni nocive e di confort e piacere nel caso di energie positive…


A tutti capita prima o poi di sentire una sensazione di disagio nel sostare in qualche luogo o, viceversa di provare una piacevole sensazione di confort e protezione rilassandoci in un angolo felice. Il benessere o il disagio possono derivare da molteplici fattori ed è perciò importante scoprire quando la causa predominante del nostro malessere è derivante dall’ambiente che ci circonda. Come fare dunque per avere una casa sana?
Innanzitutto tanto buon senso. Esistono equipe di esperti che sono specializzati nell’analizzare (check-up 
ambientale attraverso sofisticati apparecchi di misura e l’analisi biofisica) le abitazioni e gli uffici, capaci di consigliare le soluzioni per rendere la nostra casa sana ed accogliente.

Le radiazioni nocive si percepiscono nel quotidiano attraverso un particolare disagio legato alla sensazione di un’aria pesante, ed a sentimenti di aggressività o depressione. 
Le radiazioni positive si percepiscono invece con sensazioni di luce, leggerezza e benessere. 
Per evidenziare le peculiarità positive o nocive di un luogo l’Uomo si è rivolto fin dall’antichità a persone particolarmente sensibili ed allenate come Sacerdoti, Sciamani etc.

Se non possiamo scegliere la nostra cosiddetta salute genetica, abbiamo la possibilità di godere di buona salute vivendo all’interno delle nostre case sane e luminose, poiché in questo caso il libero arbitrio ci spetta eccome!
Con le nostre scelte ben fatte possiamo difendere noi e i nostri cari da radiazioni nocive, anzi possiamo creare in casa nostra un ambiente così positivo da minimizzare i problemi della nostra genetica. Ma non pensiamo che anni di permanenza in una casa malsana siano compensati miracolosamente dal vivere qualche giorno in una casa finalmente sana. Ci vuole tempo e dobbiamo curare i danni del passato: mediamente dopo circa quaranta giorni cominceremo a stare meglio.
Aria nuova, nuova luce, avremo finalmente le condizioni giuste per stare bene. Sicuramente non basta un ambiente sano per essere felici e in armonia. Essere consapevoli dell’anima della nostra casa è certamente importante, ma la salute, la felicità, saranno presenti in noi solo quando troveremo una discreta armonia con noi stessi, gli altri e l’ambiente. Dobbiamo immaginare il benessere psicofisico come un puzzle da completare. È insufficiente mangiare cibi salutari in un ambiente tossico o cibi tossici in un ambiente sano.  Anche nei paradisi terrestri dove la natura ha elargito generosamente le sue bellezze un’alimentazione sbagliata e un errato stile di vita ci possono creare importati problemi di salute.
Nella nostra società “Il concetto di salute” e di malattia è stato spesso confuso e distorto: crediamo di godere di buona salute quando non sentiamo alcun dolore fastidioso, acuto o violento e quel che è peggio, il nostro corpo si abitua al disagio e ci avvete solo degli aggravamenti.
 Se noi potessimo entrare in una macchina speciale capace di fornirci uno stato di normale benessere psicofisico, ci accorgeremo di quanto malessere è presente in noi. 
Ma la stessa cosa può avvenire con un pò di pazienza, nel tempo compensando la nostra casa: la nostra salute ed il nostro benessere miglioreranno giorno per giorno.

Quali sono le radiazioni pericolose all’interno delle nostre case?
Iniziamo da quelle che entrano nelle nostre case dall’esterno: radiazioni artificiali, inquinamento elettromagnetico conseguente al trasporto dell’energia elettrica, ripetitori radiotelevisivi, telefonia cellulare, satellitare, radar, esperimenti militari e civili secretati ecc. Poi ci sono le cosiddette radiazioni naturali: radioattività (gas radon ecc.), radiazioni cosmiche, radiazioni telluriche, anomalie magnetiche ecc. che oltrepassando i muri ci raggiungono in casa, in ufficio ecc. e che possono divenire pericolose quando hanno un elevato livello di intensità.

Intensità e tempo di esposizione, possono determinare nel nostro corpo stress e concorrere alla genesi di varie patologia anche gravi.

Quando una casa viene costruita, la massa di cui è composta è certamente alla fine un significativo campo di energia. Per fare un esempio: se noi sbagliamo la scelta di un pavimento e utilizziamo un tipo di granito (non tutti i graniti sono pericolosi, solo alcuni emettono forti dosi di gas radon) che emette un forte quantitativo del famoso gas radon come sarà l’aria di casa nostra? radioattiva? La risposta ovviamente è si!
Attenzione, il problema non è se il materiale emette gas radon, il problema è quanto è radioattivo quel materiale e non sono solo certi graniti ad essere “pericolosi”. Qualcuno si chiederà: “Perché allora non proibirli”?  Il gas radon è inizialmente innocuo. Diventa nocivo, anzi diventano nocivi i suoi sottoprodotti, un po’ come gli acari… Questi animaletti sono innocui, a generare le allergie sono i loro escrementi che diventano una componente della polvere che inaliamo respirando. All’aperto il radon è generalmente innocuo, possiamo averlo senza preoccupazioni in giardino, nell’aia di casa o in terrazza. Ma in casa, in ambienti chiusi e specialmente d’inverno, il pericolo diviene invece è reale. Ecco il perché: il valore della concentrazione del radon e del suo decadimento nell’aria dei luoghi chiusi può assumere a seconda della geologia, dei materiali di casa ecc. valori potenzialmente pericolosi per la salute della famiglia che abita quella casa. Inoltre, non essendo possibile ipotizzare a priori il livello di radon di un’abitazione (può variare molto da casa a casa) il “rischio radon” fino al momento delle analisi non è prevedibile. Purtroppo la normativa per la prevenzione dei danni da radon giace ferma in Parlamento e vengono venduti materiali edilizi potenzialmente pericolosi in quanto ricchi di questo gas senza che il consumatore che acquista tale materiale ne possa essere informato. Per approfondimenti: http://old.area.fi.cnr.it/r&f/n9/cipollini.htm

Tornando ora alle radiazioni e alle sostanze pericolose delle nostre case, in sintesi possiamo elencarle così:

  • radiazioni chimiche (materiali da costruzione e arredamento).
  • radiazioni telluriche e cosmiche
  • radiazioni elettromagnetiche (elettrodomestici e qualsiasi sistema che funzioni ad elettricità).
  • radiazioni dovute alla radioattività (terreno su cui è costruita la casa e materiali da costruzione).

Quali sono dunque i rimedi che possiamo adottare?

  • Innanzitutto evitare l’utilizzo di materiali con sostanze chimiche quali vernici tossiche, quindi anche i mobili devono essere trattati con vernici atossiche.
  • Il colore: colori caldi e pastello alle pareti, per i colori freddi utilizzeremo le stoffe, in spazi ristretti sempre mobili chiari, quelli scuri solo in spazi grandi.
  • Arieggiare spesso l’ambiente e utilizzare piante che aiutano a purificare l’atmosfera di casa.
  • Verificare che l’impianto elettrico di casa non abbia dispersioni, stare almeno ad un metro dagli elettrodomestici in funzione (lavatrice, frigorifero ecc.) ed alla distanza consigliata dal televisore.
  • Se abbiamo il televisore in camera da letto (molti lo sconsigliano) dopo l’uso fare almeno un piccolo sforzo: staccare la spina e coprirlo con un panno che ne blocchi le cariche elettrostatiche che diversamente lo schermo del televisore continuerebbe ad emettere nella stanza durante la notte.
  • Per le radiazioni dovute alla radioattività (materiali da costruzione e terreno) evitare ovviamente di acquistare materiali radioattivi e per verificare se le radiazioni provengono dal terreno consultare un esperto.
  • E’ importante evitare di dormire sulla verticale delle radiazioni telluriche provenieni dal sottosuolo.

La compensazione ambientale è utile non solo per le geopatie e le radiazioni cosmiche nocive, ma anche per l’inquinamento elettromagnetico. L’inquinamento elettromagnetico, infatti, è energia e una sua modifica biofisica la può rendere biocompatibile e meno aggressiva.

La prova oggettiva più vera e incontestabile per noi è il nostro benessere e essere in armonia e felici con la nostra famiglia.

Ultima raccomandazione in merito alle radiazioni nocive di casa nostra: i “nostri pensieri”.

 

meditazioneImpariamo a meditare di più.
L’occidente considera spesso, erroneamente, la meditazione come “cosa” da orientali, come una curiosità culturale. Pensate ad un paragone: alcune tecniche chirurgiche praticate nei nostri ospedali possono salvare con certezza comprovata una vita umana; che cosa dire di un orientale che rifiutasse una operazione affermando che è “cosa” per occidentali?
Anche noi rifiutiamo il benessere se rifiutiamo di ascoltare e allenare anche con la meditazione quel sesto senso, quel dono meraviglioso della percezione. Le cellule, la materia, sono energia, noi siamo energia e l’energia si manifesta sotto forma di onde vibranti, di vibrazioni con frequenze e caratteristiche diverse al punto da passare da forme a noi visibili come la materia a forme invisibili come le energie, sottili.

La salute è uno stato di equilibrio energetico e fisico dell’organismo come unità.

Per chi vuole approfondire l’argomento ed essere aggiornato su:

  • come sviluppare la parte geniale della nostra mente
  • le ricerche e scoperte in innovative, mai pubblicate prima,  nel campo della Geobiologia
  • tecniche energetiche per sviluppare la sensitività
  • strumenti per rilevare l’energia e le radiazioni
  • come effettuare correttamente una ricerca geobiologica e risanare un luogo,
    e tanto altro: